Gian Paolo Guerini è nato toro verso la metà del XX secolo in una piccola città equidistante da Milano, Bergamo, Brescia, Cremona, Pavia. Ha studiato dai Gesuiti coltivando una avversione totale verso il dogmatismo, prediligendo incondizionatamente la "via negativa". Ha diretto una ridicola rivista saltuaria ed effimera di materia poetica TeatroDelSilenzio. Ha proposto il suo ascoltabile in varie letture pubbliche, ha esposto il suo visibile in diverse gallerie, ha suonato o fatto suonare la sua musica: a volte chiedendo, altre perché portatovi dalle circostante, ma sempre un po' perplesso e sospettoso. Non ha voluto laurearsi in teologia con una tesi su Þe Clowde of Vnknowyng. È docente di letteratura trascendentale presso l'Università dell'Oblio nella terra desolata, dove tiene regolarmente corsi per liberare la scrittura dalla cultura. I suoi testi sono stati tradotti in inglese da Luigi Schenoni (traduttore italiano di Finnegans Wake), Paul Vangelisti e Luther Blissett. Dopo Crema, Brescia, Bergamo, Berlino, Parigi, Livorno, New York, Bologna, Fort Kochi, vive tra Torino, Roma, Ljubljana. Ha selezionato i testi per la rivista di fotografia Private (dal numero 32 al 40). Ha due figli che vivono con la loro mamma. È felicissimo con la sua donna e un nuovo figlio, in una piccola casa con un terrazzo pieno di fiori bianchi e attende paziente che le cose che devono accadere accadano.

Gian Paolo Guerini was born Taurus around the middle of the XX century, in the South of Europe, in a little town equidistant from Milano, Bergamo, Brescia, Cremona, Pavia. He has studied in a Jesuit school where he grew a complete aversion for dogmatism, he prefers unconditionally the "via negationis". He was the editor of a ridicolous, irregular and ephemeral revue of poetical matter TeatroDelSilenzio. He has proposed his listenings in some readings, he has shown his visible in some galleries, he has played or he got someone else to play his music: sometimes asking for this and sometimes led by circumstance, but always a little perplexed and suspicious. He wouldn't took his degree in theology with a thesis about Þe Clowde of Vnknowyng. He is teacher of transcendental literature at the University of Oblivion in a desolated land, where he teaches how to set the writing free from culture. Hie texts are translated in english by Luigi Schenoni (italian translator of Finnegans Wake), Paul Vangelisti e Luther Blissett. After Crema, Brescia, Bergamo, Berlin, Paris, Livorno, New York, Fort Kochi, he lives among Torino, Roma, Ljubljana. He has choosen texts for review of photography Private (issues #32 up 40). He has two sons that lives with their mother. He's very happy with his woman and a new son, in a small house with a terrace full of white flowers and he's waiting patiently for the things that should happen to happen.


Genitori / Parents




Figli / Sons

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Specialista però – lo giurerei anche su una Bibbia mal tradotta, in più di un tribunale – non sono. Mi manca tutto per esserlo. Sono piuttosto un filologo di quartiere malfamato, che lavora con pericolo e tenta un colpo ogni tanto, con risultati strani. Allo specialista vero penso con candido rispetto, con invidia venerabonda, come una peccatrice di provincia poteva pensare, in epoche di separazione delle virtù dai visi, a una reputata matrona, circondata di legittima prole, col posto fisso in chiesa e al cimitero.

Specialist though–I'd swear on a Bible mistranslated, in more than one court–are not. I miss everything to be. They are rather a philologist of slum, who works with danger and tries a shot every now and then, with strange results. I think with the specialist real candid compared with envy worshipful, as a sinner of the province could think, in times of separation from the faces of the virtues, a reputed matron, surrounded by legitimate offspring, his permanent place in the church and the cemetery.

(Guido Ceronetti)